Orologeria militare cenni e storia

Per parlare di orologeria militare bisogna fare un passo indietro e cercare le esigenze originali del personale militare comprendendone meglio le necessità degli operativi.

L’orologio sino al diciannovesimo secolo era un segnatempo molto diverso a seconda se veniva impiegato da uomini o da donne, il sesso maschile lo teneva solitamente in tasca, di grandi dimensioni e meccanico legato ad una catenella che si fissava ai pantaloni, le donne, da sempre amanti dei gioielli, trovarono il modo di trasformare l’orologio, miniaturizzato, in un oggetto di abbigliamento unendo utilità e fascino fissandolo al polso con un bracciale, solo in seguito i militari che avevano la necessità di coordinare le azioni di guerra e quindi avere a disposizione un segnatempo preciso, si accorsero che non era possibile impugnare le armi, controllare il nemico e contemporaneamente estrarre dalla tasca dei pantaloni l’orologio per verificare l’ora, così anche loro trovarono il modo di fissarlo al polso con un cinturino di pelle, avendo l’ora sempre a disposizione, senza distrazioni. Nella orologeria militare i primi orologi da polso avevano una molla ferma corona, questa serviva ad evitare in battaglia l’estrarsi accidentale della corona di carica, la cui estrazione avrebbe fermato l’orologio e non essendoci guarnizioni, avrebbe inoltre consentito l’entrata di polvere od acqua nel movimento meccanico, perdendo quindi il tempo.
Nel corso degli anni i movimenti meccanici, ovvero quelli che andavano caricati manualmente
ogni giorno, si trasformarono in automatici caricandosi quindi da soli con il movimento del polso,
negli anni a seguire la funzione di cronografo venne poi integrata all’interno dell’orologio e questa
era utile nella orologeria militare e nello sport per cronometrare gli eventi senza avere strumenti aggiuntivi tra le mani.
Orologeria militare dagli anni 70 allo stato dell’arte
Solo negli anni 70 sono stati messi in commercio i primi orologi al quarzo da polso, questi avevano una maggiore precisione, assenza di manutenzione, se non il cambio della batteria e la possibilità potenziale, ai tempi, di una maggiore miniaturizzazione e integrazione di più funzioni, ma per molti anche la perdita del fascino di un orologio automatico, tuttavia anche questi fuorono adottati da alcuni eserciti come orologi militari. La grande evoluzione dell’elettronica e del software negli ultimi decenni hanno consentito poi possibilità impensabili integrando nella orologeria militare una serie di strumenti come l’orologio con
bussola, l’orologio con altimetro anche con previsioni barometriche, il profondimetro da polso, sino al GPS e altro ancora.
Qui trovi in vendita orologi militari online